.
.
.
Mi avvicino ad un mondo "privilegiato", quello della tastiera che imprime e lascia una seppure futile traccia di me attraverso un pc con pensieri-concetti-sensazioni-emozioni. Nel mio caso c'è da chiedersi se è il tempo che ci cambia o....ma a quanto pare il tempo è "fermo" o almeno è sempre lo stesso, siamo noi che passiamo davanti a questa meravigliosa e sconcertante realtà, siamo noi che camminiamo attraverso il tempo, percorrendo un viaggio avventuroso e ancora siamo noi che decidiamo se cogliere i frutti che ci offre con generosità e ricambiare con gratitudine!
.

I commenti sono ovviamente graditi. Per leggerli cliccate sul titolo dell'articolo(post) di vostro interesse. Per scrivere(postare,pubblicare) un commento relativo all'articolo cliccate sulla voce commenti in calce al medesimo. Per un messaggio generico o un saluto al volo firmate il libro degli ospiti (guest book) dove sarete benvenuti.

sabato 4 dicembre 2010

Paradossalmente parlando...

Sarebbe più corretto dire... paradossalmente pensando, già ma allora cos'è un blog per noi comuni mortali,  super impegnati e quasi sempre travolti e sconvolti/coinvolti dalle vicende umane e dalle corse talvolta disperate contro il Tempo e le scadenze di ogni tipo?
Para/dossal/mente forse può diventare un "para-cadute" per non finire nel dosso generato dalla mente e dal ragionamento esclusivamente razionale e teorico, freddo e asettico, dove l'ascoltare le emozioni viene apostrofato come un lavorìo puramente infantile e perdi-Tempo.
Ai bambini quando gli s'insegna a camminare,la prima cosa che un genitore fa è quella di dirgli di stare attento alle cadute e di evitare che si faccia male, si è soliti dire metti avanti le mani; nelle tappe evolutive del bambino si parla di reazioni di "paracadute", quasi mai ci si occupa però d'insegnargli che crescendo si può andare incontro a cadute più dolorose, quelle del cuore, che generano delusione e sfiducia in sè e negli altri.
Ma tornando al blog, mi piace far giocare la mente con il paracadute, l'ho confezionato con le mie stesse mani, ha tutti i colori dell'arcobaleno e le sfumature della luce dell'alba, non si tratta di quello che frena l'immaginazione ma quello che  salva le emozioni e la capacità di enfatizzarle per  guardare e sviluppare miliardi  e miliardi di colori, esattamente come si faceva in passato con lo sviluppo delle fotografie, dentro una camera oscura dove piano piano emergevano dalla carta fotografica le immagini rubate alla realtà e lo stupore era indicibile.
E ancora sottolineando l'immagine del post, penso che tenere in vita un blog diventa come coltivare il prato verde della propria immaginazione, dove si può fare due passi in tutta tranquillità, sospesa nel tempo dove posso respirare un'aria pulita e decidere quando e come chiudere la finestra che mi tiene "connessa" con la realtà esterna perchè fuori l'aria spesso è grigia, pesante e inquinata.
Perciò, paradossalmente parlando...val la pena dare importanza anche allo spazio virtuale fino a che  c'è più ossigeno che nella realtà!!!

22 commenti:

MariCrea ha detto...

Sono assolutamente d'accordo...questo è davvero un mondo privato dove poter spaziare con la fantasia ma al tempo stesso pubblico perchè sei sempre in contatto con qualcun altro!
mari

cry ha detto...

Hai ragione, ed è per questo che nel lontano 2004 ho deciso di aprire un blog, uno spazio tutto mio dove potermi anche rifugiare a volte e lontano dagli occhi di chi mi frequenta tutti i giorni. Le nostre fantasie, i pensieri e i sogni qui, condivisi con tutti e con nessuno allo stesso tempo...SI CAPISCE CHE HO LA FEBBRE?
Scherzi a parte, è sempre un piacere passare di qui..buon week end ;)

Ametista ha detto...

paradossalmente d'accordo!
:-)

unangoloinblu ha detto...

quanto mi ha dato fare blog! è stato un salvavita, mi ha dato modo di conoscermi, sfogarmi, esorcizzare, valutare, capire e superare...ossigenante si è vero! un prato verde da curare che vine fertilizzato dala nostra crescita interiore e da chi ti viene incontro e condivide con te le tue parole, le emozioni, le esperienze...ti lascio un bacio Miriam scusa se non passo da un po'...:*

Franca ha detto...

Sono molteplici i modi per utilizzare un blog.. chi per dar spazio alla fantasia.. chi per lasciare nel tempo pensieri e parole... chi per dare alla mondo la possibilità di conoscerti... ognuna credo sia meritevole di attenzione perchè comunue dietro ci sta impegno, lavoro, magari qualche ora di sonno persa, perche noi donne di tempo da "perdere" non ne abbiamo mai granchè..
Buon week end

jasmin ha detto...

liebe Miriam,Übersetzung ist schwer,aber ich möchte sagen, das es eine Bereicherung mit diesen schönen Kontakten ist, es gibt Grenzen, die muß man fühlen, aber so ist das im Leben auf der grünen Wiese in frischer Luft ähnlich, viele herzliche Grüße von Jasmin Deutschland.....

Miriam ha detto...

@jasmine
Liebste verstehen, dass die Kommunikation schwierig sein kann, wenn wie in unserem Fall, die Sprachen so unterschiedlich sind, aber es ist wunderbar, mit Ihnen teilen meine Liebe, das Wesen der Gedanken und Emotionen, die unsere menschliche Existenz prägen!
Ich lade Sie deshalb mit Geduld und mit der gleichen Zuneigung unser Kontaktformular weiter, weil ich finde, dass es sehr erhebend für euch beide sein Ich mag das Süße und Zärtlichkeit, die in Ihren Blog gießen!
Eine aufrichtige Umarmung, bis bald!

Miriam ha detto...

@MariCrea
ciao carissima, ora sono per tutte voi....condividere questi stati d'animo ci fa sentire appartenenti allo stesso universo di pensieri ed emozioni, dove la fantasia e l'immaginazione diventano nuvole di ossigeno puro che alimentano le nostre cellule stanche e intossicate dalla routine quotidiana...
Ciao,a presto!!!

Miriam ha detto...

@cry
Hai ragione da vendere....allontanarsi almeno virtualmente da chi ci conosce e ci frequenta tutti i giorni , può essere una valvola di sfogo nel senso più genuino del termine, un'àncora di salvezza quando tutto diventa un pò troppo pesante da gestire e da vivere.
Come va la tua febbre? Spero sia svanita mentre hai passeggiato nel praticello del mio blog!!!
Buon w-end anche a te, bacioni!

Miriam ha detto...

@Ametista
Non avevo dubbi!!!! Grazie mille per la tua affettuosa presenza!
Buona giornata, a presto!

Miriam ha detto...

@unangoloinblu
Carissima Manu, le tue parole sono le mie...proprio tu che sei la "madrina" per eccellenza del mio blog. A quanto pare non si finisce mai di "crescere interiormente" e conoscere di sè stessi lati nuovi e inesplorati, dove il condividere con chi passa dalle nostre parti è di volta in volta una fonte e motore inesauribile di arricchimento e crescita!
Capisco che il tuo Tempo è scandito dalla tua bellissima gravidanza, non porti nessun problema per il fatto che passi di meno nel mio blog, nel tuo caso il maghetto ha le priorità su tutto!!!
Ti abbraccio con tanto affetto e ti mando mille bacini!

Miriam ha detto...

@Franca
Oh,oh....sei nuova dalle mie parti, che piacere! Benvenuta a bordo bel mio spazio rosa, accomodati, spero che questo spazio sia di tuo gradimento...
Intanto sono andata a sbirciare da te....e cosa trovo? Un bel coltello nella (mia) piaga....parli di forma fisica e quant'altro...proprio ora che ho preso accordi per iniziare una dieta dimagrante...Sono sicura che senza l'ausilio della mente non si raggiunge nessun traguardo, ci vuole una motivazione forte e decisa per arrivare a ciò che ci si prefigge!
Proprio noi donne che come dici tu, tempo ne abbiamo solo poche briciole...
A presto, da te...buona giornata!

Ninfa ha detto...

Ciao, Miriam, passo sempre volentieri a leggere i tuoi post...Sono d'accordo sai sul fatto che da piccoli ci viene insegnato come proteggerci da pericoli e cadute "fisiche", ma non ci educano abbastanza a come reagire, come guarire dalle cadute che incrinano il cuore.Eppure anche quelle fanno male. La foto che hai messo è molto bella, una stanza che "non ha più pareti.." come cantava G. Paoli. In questa stanza, il blog, prendiamo una boccata di ossigeno, ma io la finestra che comunica con il mondo "là fuori" la terrei comunque aperta, anche se entra un pò di smog...Ciao!

Miriam ha detto...

@Ninfa
Il mio "ragionamento" è giustamente discutibile e il mio è un punto di vista parziale, dal momento che ho ragionato solo da "figlia" e non ho esperienza diretta come genitore...Non tutto si può si può insegnare, probabilmente la migliore maestra è la VITA stessa...che di volta in volta c'insegna qualcosa che mai avremo creduto o immaginato di dover affrontare!
Ogni lezione appare superata quando ci troviamo a imbatterci in esperienze nuove che quasi sempre ci trovano impreparati dal punto di vista emozionale.
Mi fa piacere che l'immagine ti abbia ricordato il bravissimo G. Paoli, utopia delle utopie...una stanza senza pareti!
Ma tranquilla, la finestra con "là fuori" è sempre socchiusa e allo smog ci sono abituata!
Ciao, buona serata!!!

Cinzia ha detto...

Aprire il blog è stata una cosa che mi ha aiutata a superare un momento nn molto facile...mi ha dato modo di "annaffiare" delle vecchie amicizie e di coltivarne delle nuove, di scambiare pareri, opinioni, lacrime e risate...
Sono felice di essermi catapultata nel mondo dei blogghers e di aver incontrato davvero delle belle persone lungo il mio percorso...
Un strucon
Cinzia

Lucignolo ha detto...

Con permesso...

Un blog è soprattutto spazio da riempire,
con immagini, parole, musiche, umori, colori,
tutto quanto generi sensazioni.

Un posto dove puoi pensarti addosso, vederti come esprimi, tornare a leggerti per quello che sia stati e per quello che sei (ed anche eri), per gli altri e per te stesso.

L'esprimere rende vivi, il blog ci da quel pizzico di tempo per parlare riflettendo, lasciando un velo leggero di parziale anonimato pur non rinunciando al nostro modo di essere, anzi, spesso ci libera da alcune inibizioni o pudori seriosi... incoscenti che tante cose in fila, rendono certa l'idea di che persona sia quella che cura quello spazio.

Voglio dire, alfine restiamo noi, con nuove potenzialità di esternazione e riflessione.

...e ciao a te Miriam

palmy ha detto...

Tenere un blog è per me quello che era il diario tanto tempo fa, non tanto e non solo il contenitore dei miei sfoghi ma soprattutto un raccoglitore di scoperte, interessi, manie del momento, frasi importanti, storie significative, tutto per non dimenticare. Man mano ho scoperto un altro aspetto che il mio ex diario non poteva avere, la condivisione, lo scambio di pensieri e di esperienze (nessuno avrebbe potuto commentare sul mio diario né io avrei potuto farlo su quello di un altro)...
Se vuoi, a proposito di condivisione, vieni sul mio blog e partecipa a Share one day...

Miriam ha detto...

@Cinzia
Anche per me aprire un blog ha rappresentato un periodo particolarmente sofferto e importante, mi è stato di grande aiuto pensare e scrivere, spostare i pensieri altrove e farli confluire proprio qui, dove posso permettermi di annullare il Tempo! Mi fa molto piacere averti ancora tra le mie care amiche blogger di "vecchia data", eh si, nel tempo molte cose si modificano e molte strade si separano, nella realtà come nel virtuale ma tutto ha un senso e una giustificazione!
Anch'io sono soddisfatta e contenta di essere ancora qui e di non aver ascoltato certi stati d'animo negativi che mi spingevano a chiudere questo spazio perchè pensavo che fosse solo tempo perso,quando invece questo luogo è per certi versi privilegiato!
Grazie mille per i tuoi strucon, è sempre una delizia riceverli!!!
Bacioni!

Miriam ha detto...

@Lucignolo
Benvenuto nel mio blog, mi fa piacere che sei passato per conoscere un pò il mio blog!
Il tuo commento sottolinea molti miei pensieri e motivazioni che mi spingono, nonostante tutto, a mandare avanti questo spazio virtuale.
Grazie per aver condiviso questo mio post, t'invito a tornare quando vuoi in tutta libertà!
Ciao Lucignolo, a presto!

Miriam ha detto...

@palmy
Hai ragione carissima...."tutto per non dimenticare"...e il blog ha in questo senso una marcia in più, la condivisione! Io invece non ho mai avuto un diario, anzi non li sopportavo proprio!!!Anche aprire un blog non è stato così semplice...non volevo "espormi" troppo, per carattere sono abbastanza riservata ma questo l'avrai capito seguendomi e condividendo i miei post...
Mmmh, per scoprire cos'è un Share one day devo proprio passare da te, a tra poco!

elena fiore ha detto...

Che bella questa immagine: un cielo limpido "dentro", e fuori il grigio del mondo reale.
Per fortuna Mondo Blog è solo colore e pompon :-)
Ciao, elena°*°

Miriam ha detto...

@elena fiore
Hai ragione...anche per me Mondo Blog dev'essere soprattutto "colore e pompon", sta a noi ripulirlo di volta in volta da infiltrazioni di vario genere ed eventuali tossine e scorie che possono offuscarlo rendendo anche qui, l'aria pesante e irrespirabile...in poche parole anche questo "mondo" può diventare simile a quello reale, dipende da noi e da tanti fattori mantenerlo sempre PULITO e GENUINO, solo così si riesce a far germogliare i sogni che custodiamo nel cuore e si crea un ambiente sano per condividere le emozioni e i pensieri di tutti!
Ufffh come al solito mi sono dilungata....
Ciao Ele, ti mando un abbraccio tutto colori e pompon!!!

Posta un commento

.
Al fine di evitare lo spam, I Vostri graditi commenti saranno pubblicati previa autorizzazione da parte dell'amministratore del Blog. Grazie.
.
Per inserire un commento seleziona il profilo Nome/Url
scrivi il tuo nome e se non hai un sito-blog lascia in bianco la voce Url.
.